Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="6518"]

Come iniziare lo svezzamento?

Una settimana fa ho partecipato ad una interessantissima diretta insieme a FattoreMamma e altre colleghe blogger in collaborazione con Plasmon. Il focus dell’incontro è stato uno dei temi più  discussi tra le mamme, quello dello svezzamento o meglio, dell’alimentazione complementare. 

Si parla infatti di alimentazione complementare perché associata al normale consumo di latte in un neonato durante il primo anno di vita. 

Un tema sul quale spesso circolano informazioni non sempre corrette che possono confondere le neo-mamme. 

Svezzamento, da dove partire? 

All’incontro, oltre a Floriana Maccarone, Head of food safety & quality di Plasmon, ha partecipato anche la Dottoressa Elisa Sabbioni, pediatra. 

Una delle prime domande che le abbiamo rivolta ha riguardato proprio uno degli amletici dubbi di tutte le mamme: si comincia prima con dolce o con il salato? 

La dottoressa ha specificato come sia più semplice cominciare con il cibo “dolce”, più gradevole al palato, e successivamente con il cibo salato. Per evitare però che il bimbo possa abituarsi più facilmente ai cibi dolci, sarebbe opportuno cominciare anche con le pappe salate ed introdurre gli alimenti poco alla volta. 

Si è parlato soprattutto dell’importanza della qualità degli alimenti pensati per i nostri bimbi e di come sia fondamentale un controllo dell’intera filiera dedicata al “baby food”. 

In questo caso, la responsabile Head of food & quality safe di Plasmon, Floriana Maccarone, ha chiarito ogni dubbio e assicurato che tutti i prodotti Plasmon sono pensati e realizzati attraverso un controllo accurato di ogni singolo alimento inserito nelle pappe. L’intera produzione avviene infatti in Italia e garantisce le migliori materie prime, dal grano alla frutta.

come iniziare lo svezzamento

Prevenzione attraverso il cibo, è possibile? 

Anche in questo caso una corretta alimentazione e un buon apporto di carboidrati, proteine e grassi, è fondamentale per la crescita dei nostri bimbi e per rafforzare il loro sistema immunitario. Le vitamine C, D, E, K sono tutte vitamine che ritroviamo nei cibi, soprattutto in quelli pensati per i nostri bebè.

Si è parlato anche della differenza tra latte vaccino e latte artificiale, quest’ultimo sicuramente più indicato per i primi anni di vita del bambino, almeno fino ai 3 anni, perché apporta le giuste sostanze nutritive al bambino ed evita eventuali complicazioni intestinali. 

Abbiamo parlato dei menu dei piccoli anche da un punto di vista più pratico e di come comporre il loro menu bilanciando le giuste quantità degli alimenti. Basta poca fantasia e l’utilizzo di alimenti diversi tra semolino, pastina, cereali, per garantire ai nostri bambini il giusto apporto nutritivo, proporre loro un menu gradevole e rendere il momento “pappa” un momento piacevole da trascorrere insieme. 

È stato un piacevole incontro ma soprattutto utile che è servito a chiarire tanti dubbi anche ad una mamma di tre, come me! 

Leggi anche: menu settimanale: 3 ricette per bambini da 1 a 3 anni

Comments

comments

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *