dashblog logo
Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.

L’angolo di Simona. Gnocchetti di patate con gamberetti e pomodorini

In questi giorni di caldo si ha poca voglia di mettersi ai fornelli ed ingegnarsi ad inventare manicaretti invitanti. Io per prima, con un bimbo di pochi mesi e la calura dell’estate siciliana, spesso ho poca voglia di spadellare ed allora, qualche giorno fa, mi sono “inventata” un piatto unico gustoso e veloce: gnocchetti di patate con gamberetti pesto e pomodorini. A voi la ricetta.                                  
INGREDIENTI                                                
500gr di gnocchetti di patate.                      
1 vasetto di pesto di basilico                          
300gr di gamberetti sgusciati.                           
10 pomodorini pachino                                
Sale ed olio q.b.                                         
PREPARAZIONE
Mettere a bollire l’acqua per gli gnocchetti. Mentre l’acqua bolle, prendere un’ampia padella ed ungerla con poco olio. Non appena l’olio comincia a sfrigolare aggiungere i pomodorini pachino precedentemente lavati e tagliati a metà’. Lasciare cuocere a fuoco vivo fino a far appassire i pomodori, successivamente aggiungere i gamberetti e fare cuocere pochi minuti. Lessare gli gnocchi. A fuoco spento aggiungere il pesto ed un mestolo di acqua di cottura nella padella. Non appena gli gnocchi sono pronti basta aggiungerli al sugo e spadellare a fuoco moderato per un minuto. Il piatto e’ pronto per essere servito! i consiglio di servirlo come piatto unico vista la presenza di carboidrati (gli gnocchi), proteine (i gamberi ed il pesto) e vitamine (i pomodori).                                         
TRUCCHETTO FURBETTO: si può trasformare questo pietanza in un piatto freddo sostituendo le mezze penne agli gnocchi, cuocendo i gamberi al vapore  ed aggiungendo gli altri ingredienti a freddo.                                                     

Comments

comments

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *